1. Per uno straniero, un colloquio di lavoro in giapponese non è solo una prova della propria competenza linguistica ma è anche una prova della propria capacità di adattarsi all’ambiente lavorativo giapponese.
  2. Se stai pensando di sostenere un colloquio di lavoro, è importante arrivare con almeno 5 minuti di anticipo e indossare degli abiti adeguati.
  3. Durante il colloquio, non interrompere i tuoi intervistatori, rispondi in modo conciso e diretto rimanendo umile.
  4. Se il colloquio dovesse essere in inglese, assicurati di adattarti al livello di inglese del tuo intervistatore, soprattutto se non lo parla fluentemente.
  5. Per un colloquio in giapponese, rispolvera a tua jikoshoukai e preparati a rispondere alle domande più frequenti.

Informazioni utili da sapere prima di fare un colloquio di lavoro in Giappone

Questo articolo si concentra su come prepararsi e sostenere un colloquio di lavoro in Giappone. Non si parlerà della ricerca del lavoro in Giappone, come candidarsi per un posto di lavoro o come scrivere un curriculum in giapponese. Tuttavia, se siete interessati a questi argomenti, vi consigliamo di cliccare sui link indicati per dare un’occhiata ai nostri articoli dedicati agli argomenti elencati.

Un colloquio di lavoro di successo in Giappone si basa sulle competenze linguistiche di un candidato e sulla sua comprensione delle norme culturali. In altre parole, alcuni dettagli come la puntualità o l’outfit possono essere cruciali, specialmente quando si sceglie tra due candidati. Gli intervistatori non trascureranno alcun dettaglio.

download your resume sample

Puntualità: arrivare ‘presto’ per essere ‘puntuali’.

Devi essere in anticipo di almeno 5 minuti per un colloquio. Essere in ritardo è considerato scortese e può influire sulle tue possibilità di ottenere il lavoro.

Per evitare di essere in ritardo, controlla in anticipo il percorso su internet o recati sul luogo prima della data del colloquio. Ricordati di partire presto per evitare qualsiasi ritardo. Se dovessi essere in ritardo, informa il tuo intervistatore il prima possibile.

Cosa indossare per un colloquio in Giappone?

Hai solo una possibilità per fare una buona prima impressione. Di conseguenza, dovresti prendere molto sul serio la questione in quanto un singolo errore potrebbe costarti il lavoro futuro. Durante un colloquio di lavoro in Giappone, il tuo outfit deve essere perfetto. I tuoi intervistatori daranno una grande importanza al tuo aspetto esteriore e baseranno la loro prima impressione anche su questo.

How to prepare for a job interview in Japan

Completo da uomo

Gli uomini devono indossare un abito scuro, spesso nero, blu o grigio. La camicia dev’essere bianca e accompagnata da una cravatta. La cintura dev’essere dello stesso colore delle scarpe, che devono essere perfettamente cerate. Ovviamente i capelli devono essere ben pettinati. Non ci sono molti uomini con i capelli lunghi in Giappone ma, se dovessi avere i capelli lunghi, assicurati di legarli correttamente.

Completo da donna

Anche le donne devono indossare un abito (con una gonna, il più delle volte) della stessa palette di colori degli uomini e con una camicia bianca. I capelli lunghi devono essere legati in modo ordinato. Inoltre, evita di truccarti troppo. Le scarpe dovranno essere cerate e i vestiti ben stirati. Tutto deve essere perfetto!

How to prepare for a job interview in Japan

Le diverse fasi di un colloquio di lavoro in Giappone

Durante un colloquio di lavoro in Giappone, gli intervistatori presteranno molta attenzione al tuo abbigliamento, al tuo comportamento e alla tua auto-organizzazione. Se porti con te documenti, questi devono sempre essere ordinati e non devi perdere tempo quando li tiri fuori. Ricordati sembrare organizzato e mai improvvisare.

Un colloquio di lavoro in Giappone è pre-strutturato con passaggi specifici, dal momento in cui entri nella stanza, alla tua auto-presentazione e alle domande poste. Analizzeremo in dettaglio ogni passaggio di un colloquio.

Come entrare nella stanza

Anche l’ingresso di un candidato nella stanza è codificato in Giappone. Saperlo fare, è una buona opportunità per mostrare la tua comprensione della cultura, delle abitudini e dei costumi giapponesi e, quindi, della tua capacità di adattamento.

  1. Bussare alla porta per tre volte e dire: “Shitsurei shimasu” (失礼します/しつれいします).
  2. Aspettare che l’interlocutore risponda “dozo” prima di entrare nella stanza.
  3. Entrare nella stanza, chiudere la porta e salutare l’interlocutore con shitsurei shimasu. Fai un leggero inchino e non stringere la mano a meno che tu non venga invitato a farlo.
  4. Affiancati vicino alla tua sedia, presentati e aspetta che l’interlocutore ti dia il permesso di sederti.

Il video seguente è un tutorial di SNG, la nostra scuola di lingua giapponese a Tokyo. Un colloquio non è esattamente lo stesso ma le regole sono molto simili.

Come preparasi per un esame orale in giapponese?

Capacità linguistiche richieste per un colloquio

Conoscere un po’ di keigo e avere delle conoscenze di base può essere molto utile per un colloquio. Anche se non si tratta di un requisito fondamentale per assumere uno straniero, l’abilità linguistica del candidato potrebbe avere un ruolo molto importante nella decisione finale.

D’altra parte, se il colloquio dovesse essere in inglese, assicurati di adattare il tuo livello a quello dell’interlocutore. In Giappone, il livello di inglese è relativamente basso, alcune compagnie considerano un punteggio di circa 700 punti al TOEIC (equivalente ad un livello intermedio) al pari di un livello bilingue. Di conseguenza, se i tuoi interlocutori sono giapponesi, sarebbe appropriato evitare di usare parole troppo sofisticate. Se non dovessero capire parte del discorso, potrebbero sentirsi umiliati, specialmente se il colloquio si dovesse tenere di fronte a più persone. Tuttavia, se il livello d’inglese del tuo interlocutore dovesse essere più elevato della media, non esitare a usare un vocabolario più ampio.

Preparare la propria presentazione

In Giappone, l’auto-presentazione è quasi un rituale sacro che tutti praticano dalla più tenera età. In giapponese si chiama “jikoshoukai” (自己紹介) ed è parte integrante di un colloquio di lavoro.

Prima di tutto, come mostrato nel video sottostante, inizia dal tuo paese di provenienza. Procedi quindi con il tuo cognome e il tuo nome. Puoi aggiungere altre informazioni se rilevanti per il colloquio.

jikoshoukai (自己紹介)

Domande frequenti

In Giappone, così come in molti altri paesi, durante un colloquio potrebbero essere poste diverse domande. Cerca sempre di rispondere in maniera concisa senza girare troppo intorno alla risposta. Evita di andare fuori argomento, sii preciso e rimani umile.

Ovviamente le domande poste cambiano a seconda dell’azienda e del campo di lavoro per cui stai facendo un colloquio. Tuttavia, ci sono delle domande che vengono poste frequentemente.

  • Perché sei venuto/a in Giappone?
  • Quanto pensi di restare in Giappone?
  • Cosa ti piace del Giappone?
  • Ti piace il cibo giapponese?
  • Quali sono i tuoi hobby?
  • Ti ritieni capace di lavorare nell’ambiente lavorativo giapponese?
  • Quali sono i tuoi punti di forza e le tue debolezze?
  • Per quale motivo vuoi lavorare in questa azienda
  • Qual è il tuo livello di giapponese?
  • Per quanto tempo hai studiato giapponese?
  • Quando potresti iniziare a lavorare?
  • Perché vuoi ottenere questo lavoro?
  • Perché vuoi lavorare in questa compagnia?
  • Quanto dista la tua dimora dall’ufficio?

Altri piccoli accorgimenti

Prima di un colloquio, non dimenticare di spegnere il cellulare. Siediti sulla sedia con la schiena ben dritta, le mani sulle ginocchia e non interrompere l’interlocutore. Prendi un bel respiro! Andrà alla grande!

Tags: